Porto Tolle: Starace sulla riqualificazione

Published on martedì, 2 luglio 2019

Il villaggio turistico coprirà un’area di 110 ettari di cui 20 ad area boschiva. La nuova struttura dovrebbe aprire le porte nel 2023 e potrà accogliere fino a 8.000 turisti al giorno. Il villaggio avrà inoltre tra le 2.000 e le 2.200 piazzole: in termini occupazionali si parla di circa 400 persone impiegate tra fine 2022 e inizio 2023. “Questo è il sito più grande e sicuramente il più problematico, dopo aver perso il treno della riconversione a carbone, che però ormai appartiene al passato” ha evidenziato Francesco Starace, ripercorrendo la storia del sito. “Finché ha avuto ragione di esistere, dall’apertura del 1980 e fino al 2000, ha avuto ricadute positive sul territorio. Questo progetto, che non era l’unico, ha messo d’accordo tutti. Ed è interessante sapere che alla fine, l’indotto che vi lavorerà sarà maggiore di quello che lavorava nella centrale” ha spiegato l’AD di Enel.

Siamo di fronte ad un grande esercizio di economia circolare” ha ribadito Francesco Starace, sottolineando infine il valore del progetto “Futur-e”: “Abbiamo individuato 23 siti industriali, per complessivi 13.000 megawatt, da chiudere che non avevano un futuro produttivo e abbiamo coinvolto il territorio per raccogliere idee e progetti sul futuro dei siti”.

Redazione Enel