• {{searchSuggestions.title}}

Starace allo Shared Value Leadership Summit

Impegno costante nell’adeguamento del modello di business ai principi del CSV
{{item.title}}

Creazione e condivisione di valore rientrano da sempre tra gli obiettivi di Enel: un impegno costante nell’adeguamento del modello di business ai principi del CSV (Creating Shared Value). Non a caso Enel ha da tempo aderito alla Shared Value Initiative, creata nel 2012 per sostenere e diffondere strategie in materia di CSV a livello globale: una condivisione di esperienze tra imprese attive su scala globale, che ogni anno si incontrano in occasione dello Shared Value Leadership Summit. L’evento che coinvolge centinaia di professionisti provenienti dai settori privato, pubblico e no-profit. L’edizione 2017 si è tenuta il 9 e il 10 maggio a New York.

In occasione della sessione plenaria del 9 maggio, Francesco Starace, Amministratore Delegato di Enel è stato intervistato nell’ambito del panel “The Future of Energy” da Mark Kramer, cofondatore e AD di FSG, l’ente che gestisce la Shared Value Initiative. Starace ha ricordato quando, in occasione dell’espansione di Enel Green Power nei Paesi emergenti venne adottato per la prima volta un modello basato sulla creazione di valore condiviso, puntando sulla diffusione delle energie rinnovabili e contemporaneamente applicando azioni legate alla sostenibilità e allo sviluppo delle comunità.  Francesco Starace ha poi esteso questo approccio a tutto il Gruppo.

La CSV, ha affermato Francesco Starace, dimostra come, diversamente da quanto si sia creduto in passato, oggi sia davvero possibile adottare modelli aziendali redditizi e sostenibili, partendo da un’attenta analisi e comprensione delle questioni sociali, che possono essere risolte a beneficio di tutte le parti interessate; a patto che le aziende credano e investano per il raggiungimento di questi obiettivi. È quindi indispensabile superare l’idea degli aiuti compensativi e aprirsi alla collaborazione con altre realtà: solo lavorando insieme si possono raggiungere risultati effettivi nell’ambito della sostenibilità.

A tal riguardo, Francesco Starace ha ricordato i circa 900 progetti attivati in 31 Paesi da Enel nel 2016 e realizzati coinvolgendo oltre 6 milioni di persone, grazie un attento lavoro di ascolto delle comunità locali e di mappatura del territorio. Tra le attività di maggior impatto, il parco idroelettrico di Apiacás in Brasile, nello Stato del Mato Grosso, inaugurato lo scorso novembre, che ha favorito la creazione di nuovi posti di lavoro e permesso di migliorare l’assistenza sanitaria, l’istruzione e le infrastrutture delle comunità. L’energia gioca anche in questo caso un ruolo fondamentale: senza energia non può esserci progresso, ma è altrettanto importante portarla ovunque in maniera sostenibile e con il sostegno delle comunità locali, così com’è avvenuto ad esempio per la costruzione di Cerro Pabellón, in Cile, primo impianto geotermico di tutto il Sud America.

Francesco Starace ha infine sottolineato l’importanza e le potenzialità dello Shared Value Leadership Summit: l’esperienza dimostra quanto sia importante per il futuro che le aziende rivedano completamente i processi operativi, riconsiderando gli obiettivi, con prospettive più a lungo termine. Solo così sarà possibile creare realmente valore condiviso. 

 

Redazione Enel

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Accetta e chiudi