• {{searchSuggestions.title}}

Starace presenta Piano infrastrutture di ricarica

Progetto che prevede 7mila colonnine entro il 2020, con l’obiettivo di 14mila nel 2022
{{item.title}}

Si è tenuta giovedì 9 novembre presso l’Autodromo di Vallelunga la presentazione del Piano nazionale per l’installazione delle infrastrutture di ricarica dei veicoli elettrici.
Un progetto che prevede il raggiungimento di 7mila colonnine entro il 2020, con l’obiettivo di arrivare a un totale di 14mila nel 2022. Enel si impegna infatti a dare un contributo decisivo alla mobilità sostenibile del Paese attraverso la realizzazione di una infrastruttura avanzata: un importante passo avanti anche dal punto di vista tecnologico. Come affermato dall’Amministratore Delegato Francesco Starace, il compito di Enel è quello di “consentire a chi possiede un’auto elettrica una vita normale, perché la decarbonizzazione del trasporto è fondamentale per raggiungere gli obiettivi della Cop21 di Parigi”.

Per fare questo è previsto un investimento tra i 100 e i 300 milioni di euro, necessari allo sviluppo di una rete capillare di ricarica. Lo sviluppo dell’auto elettrica, ha ricordato Francesco Starace, è una grande opportunità per l’industria italiana. È fondamentale però che ci sia un incentivo, non di tipo monetario, legato all’utilizzo del mezzo: chi guida un’auto elettrica deve godere di un miglioramento della qualità della vita. “Enel ha accolto questa sfida proprio perché - ha proseguito Francesco Starace - il rifiuto delle novità non ci appartiene. Nei confronti della mobilità elettrica vedo un atteggiamento simile a quello che c’era verso le fonti rinnovabili dieci anni fa. Puntiamo a essere leader tecnologico oltre che leader di mercato”.

 

Redazione Enel

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Accetta e chiudi