• {{searchSuggestions.title}}

Elettricità: Starace al “Financial Times”

Starace analizza gli effetti della transizione energetica per il “Financial Times”
{{item.title}}

In dieci anni le tecnologie green, innovative e meno costose, potrebbero soppiantare in Europa il sistema di generazione elettrica a carbone. L’Amministratore Delegato di Enel Francesco Starace, intervistato dal “Financial Times”, analizza gli effetti di questa “svolta” e invita a cominciare a “programmare il futuro”. L’AD sottolinea come la rapida crescita delle rinnovabili in termini di competitività, in particolare dell’eolico e del fotovoltaico, stia spingendo fuori dal mercato l’industria del carbone e della generazione elettrica da fossili.

In questa prospettiva Francesco Starace esorta aziende, governi e altri decisori politici a pianificare le azioni necessarie per gestire l’inevitabile transizione. “Cosa dovremmo fare quando un bene primario diventa obsoleto? Possiamo difenderlo dallo scadere oltre il suo tempo? Possiamo continuare a dire alle persone che tutto sta andando bene continuando a fare quello che abbiamo sempre fatto?” si chiede l’AD di Enel. Meglio piuttosto “affrontare la verità e dirci ‘ragazzi, questo è quello che accadrà nei prossimi 5, 10, 20 anni”. È quindi sempre più necessario iniziare a pianificare il futuro. 

Il momento è adesso ed è un momento di grande consapevolezza di cui dovremmo essere orgogliosi, quello in cui guardiamo alla realtà senza entrare nel panico

Francesco Starace, Enel CEO

Al “Financial Times” Francesco Starace spiega anche come si tratti di una grande opportunità per un Gruppo che ha nell’elettricità uno dei principali business. La domanda di elettricità infatti è destinata ad aumentare “più di quanto il mondo stia crescendo”. Ed Enel, come ribadisce l’AD nell’intervista, guarda “a quello che il mondo ci sta mettendo davanti, senza paura per il futuro”.

Redazione Enel 

Questo sito si avvale di cookie analytics e di profilazione, propri e di terzi, per inviarti pubblicità in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy. Accetta e chiudi